SONO IN GRADO DI ESSERE UN BUON PADRE? - Cuore di Padre
Immagine
 Ci vogliono orfani di padre vivo...... di Nick
"
Oggi è un giorno in cui non penso, sento.
Sento talmente tanto che penso.
E come sempre penso te.
Non a te. Ma te.
Penso il tuo primo pensiero. E l’ ultimo.
Sento e penso. Te.

PAPA'
"

 
\\ : Articolo

SONO IN GRADO DI ESSERE UN BUON PADRE?
Di Daddy (del 26/11/2007 @ 16:22:31, in Riflessione, linkato 4175 volte)
Non sono né un filosofo né uno psicologo.
Sono però senza dubbio un pensatore, come altri.
Pensatore non inteso come parte di un’ elite ma come colui che nel marasma quotidiano si fa domande.
E difficilmente riesco a darmi risposte.
Questo blog nasce per ovvi motivi, si schiera apertamente non a favore dei padri ma contro le ingiustizie che spesso subiscono.
In ultima analisi pensiamo di essere un sito A FAVORE DEI BAMBINI.
Si può veramente pensare nel 2007 che un bimbo abbia bisogno solo della mamma?
Io credo che questa sia una falsa convinzione di molte mamme
che hanno un rancore assoluto nei confronti del padre del bambino.
Si, falsa, perché non credo possibile sia autentica.
Delle problematiche post separazione ne è pieno il blog e ne è pieno il mondo.
Mi vorrei soffermare sul percorso e sugli incastri psicologici sui quali invece
spesso si gioca in maniera vigliacca e indegna.
Comincio a credere che sia insito nell’ animo umano giocare coscientemente o meno sulle debolezze altrui.
Confronti quotidiani anche con padri che apparentemente non hanno grandi problemi di coppia o che non sono separati mi portano a pensare che i comportamenti materni siano spesso simili.
Si cerca di insinuare nel papà il dubbio sulla propria capacità di essere padri.
Frasi del tipo “l’ hai coperto troppo ecco perché si è ammalato”
Oppure “chissà che gli hai dato da mangiare ecco perché ha vomitato” o “lo zucchero non gli piace, ancora non lo sai?” ma di esempi banali ne potrei fare un milione sono, a mio avviso, mirate a esternare in maniera implicita ma (altrettanto) inequivocabile un diritto di proprietà.
Mi spiego meglio: siamo sicuri che il proprietario di una casa la conosca meglio di un affittuario che ci abita?
Forse l’ esempio è un po’ forte ma è solo per rendere l’ idea.
Si vuole rendere insicuro il papà che nel 90% dei casi dopo un periodo costante di frasi come quelle sopra citate si comincerà a chiedere in maniera più o meno cosciente se non sia vero quanto sottinteso dalla mamma del bambino.
Il papà è condannato a vivere nel dubbio chiedendosi in continuazione se è o meno un buon padre o almeno se sia in grado di esserlo.
Una mamma è assiomaticamente una buona mamma per il solo fatto di averlo partorito.
Lei sa inequivocabilmente i gusti, le voglie, le sensazioni, cosa è meglio o peggio per il proprio figlio.
Perché l’ ha partorito.
Io credo che tutto questo derivi da un’ educazione o cultura prettamente cattolica e di fatto matriarcale come la nostra.
Fondamentalmente anche i papà sono convinti che una mamma ne sappia sempre più di loro.
L’ unione dei nove mesi in cui il bimbo è in simbiosi con la mamma, in cui sono un UNO è evidente ed incontestabile.
Una volta nato il bimbo, gli individui si separano e non sono più un UNO ma anche fisicamente sono due.
Perché le mamme ed i papà non accettano che da quel momento in poi si è UGUALI nei confronti del figlio?
Troppe volte cerchiamo anche inconsapevolmente delle risposte dalle mamme dei nostri figli pensando che è proprio lì che risiede la verità.
La verità non esiste, la verità è negli occhi dei nostri figli, nell’ amore e nella ricerca che loro hanno per e di noi.
Nei loro occhi dobbiamo cercare la risposta alla domanda “SONO IN GRADO DI ESSERE UN BUON PADRE?”





Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 
# 1
L'argomento è a dir poco cruciale.
A mio parere tutto ruota intorno alle dinamiche, che devo dire, Daddy ha colto ed ha esposto con molta lucidità. Sul perchè si inneschino certi meccanismi ho però una mia idea che mi permetto di esporre: temo che la causa sia da ricercare non tanto nelle radici cattoliche della nostra cultura, quanto nel cambio degli equilibri all'interno delle coppie moderne. Rispetto al tempo dei nostri nonni, dove la linea di separazione dei compiti tra l'uomo e la donna era netta, chiara e definita, oggi le cose sono diverse. In primis la donna ha trovato una collocazione sociale, un lavoro e proprie soddisfazioni personali. Spesso non può/non vuole più mandare avanti da sola casa e famiglia, ma deve avvalersi della fattiva collaborazione del marito/compagno. Questo stato di cose ha creato le condizioni per la nascita di alcune figure ibride, tra le quali spicca quella del “mammo”, cioè dell’uomo che per una parte più o meno rilevante del tempo familiare si sostituisce alla mamma titolare in sua assenza e ne rileva i compiti. Ora, se la donna in versione lavorativa se la cava spesso egregiamente, non si può dire lo stesso per i maschietti in versione casalinga (nella parte dei casi), e questo ci espone all’attacco del popolo delle mogli/compagne, che riescono così ad affermare non solo, caro Daddy, la proprietà dei figli ma anche (mi sia permesso il Veltronismo) il ruolo di comando del sistema famiglia . Da parte mia non c’è una critica maschilista, credo semplicemente che la sovrapposizione delle sfere di azione, unita alla combattività e alla tenace intelligenza femminile abbia portato a questo (e ad altri non trascurabili problemi che comunque esulano dal contesto). Noi non siamo ancora pronti per tutto ciò, ma se riusciremo a resistere a tutto questo per almeno un paio di generazioni, forse i nostri nipoti o pronipoti vivranno questa c
Di  Brutus  (inviato il 04/12/2007 @ 18:04:00)
# 2
CONTINUA DAL PRECEDENTE COMMENTO:
...forse i nostri nipoti o pronipoti vivranno questa condizione in assoluta normalità, avendo assimilato equilibri che noi fatichiamo terribilmente a digerire.
Di  Brutus  (inviato il 04/12/2007 @ 18:05:46)
Testo (max 2000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Disclaimer
Puoi scegliere di non inserire il Nome e l'email, restando anonimo/a, in ogni caso si raccomanda la buona educazione. Grazie

 
           Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini
Ci sono 22 persone collegate


Titolo
Attimi (13)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Citazioni (3)
Comunicati (1)
Giù le mani dai bambini (5)
MAMMA (3)
PAPA' (84)
Riflessione (3)
Servizi (5)





Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Ninak
03/10/2018 @ 23:09:13
Di Boyd
mfhp
03/10/2018 @ 19:32:50
Di Johnie
zpdj
03/10/2018 @ 18:36:13
Di Robyn

Titolo
Pensi che i figli siano proprietà privata ?

 NO
 No però sono più miei che del padre
 ...del papà, NO
 Solo di mamma...faccia di velluto
 solo di papà...........SCHERZO !!!




Titolo
Segnala il blog ad un amico

aiutaci a far capire
che il cuore di PAPA'
è uguale
al cuore di MAMMA

Titolo
Musica 
Io ci sarò di Andrea Bocelli
Milioni di giorni di Niccolò Fabi
Essere speciale di Niccolò Fabi
Sangue del mio sangue di Niccolò Fabi

Da leggere 
Cuore di padre di Aldo Dinacci

Film 
Kramer contro kramer