Cuore di Padre
Immagine
 Ci vogliono orfani di padre vivo...... di Nick
"
Oggi è un giorno in cui non penso, sento.
Sento talmente tanto che penso.
E come sempre penso te.
Non a te. Ma te.
Penso il tuo primo pensiero. E l’ ultimo.
Sento e penso. Te.

PAPA'
"

 
Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Nick (del 18/04/2008 @ 17:19:12, in PAPA', linkato 6381 volte)

18 aprile 2004

TANTI AUGURI mio piccolo eroe.
mamma non ha voluto che fossi presente stamattina. La crostata doveva avere solo il sapore di mamma...
Ieri sera però ha acconsentito che fossi presente all'uscita.
La mia dignità ancora una volta calpestata, ma che vuoi che sia, non importa, 5 minuti con te il giorno del tuo compleanno non si equiparano a nessuna sconfitta morale.
12.45 - IO CI SONO PUNTUALE COME SEMPRE.
Corridoi, bidelle e altre mamme ostili come sempre, tua madre e tuo nonno hanno fatto proseliti in questo anno scolastico. Procedo a testa alta, ecco la tua classe.
La maestra mi guarda e non dice nulla, vede tua mamma e ti da il via. PUOI ANDARE.
"Auguri amore". Mi guardi con la coda dell'occhio, sembri un cagnolino intimorito.
Tranquillo tesoro. Fa finta che a mamma non dispiaccia vederti felice con PAPA'. Liberati da questo peso. Lascia che il problema sia solo il suo.
Aspetto.
Mi muovo con circospezione, ti lascio ambientare, non m'importa degli ulteriori sguardi che attiriamo.
Usciamo.
Mamma è un pò distante, ti lasci andare ad un sorriso non prima di aver dato uno sguardo furtivo a chi vuole fare la guardia dei tuoi sentimenti.
"Andiamo in macchina, ho il regalo che mi avevi chiesto."
Ti siedi al posto del passeggero, davanti, io e mamma fuori, in piedi.
Si è il completo di totti. Diventi rosso, sudi e guardi mamma. Ti bacio.
Io rido e scherzo, faccio finta di nulla. Vorresti venire a giocare al parco, lo so, come tu sai che non sarà così.
Non sai che fare, è evidente. Rompo l'imbarazzo.
"Scendi dai vai a mangiare con mamma. Non fargli troppi goal, mi raccomando."
Guardi mamma e chiedi:
- devo scendere ?
Mi sarei ucciso pur di non vederti in quelle condizioni.
"Si, tesoro, corri dai che mamma ha preparato, staremo insieme domani, porta il completo..."

Me ne vado, la tua testa mi cerca, ti giri, mi saluti...piango ma sono lontano ormai, non puoi vedermi.
CIAO AMORE, AUGURI, A DOMANI.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (9)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 18/04/2008 @ 16:12:48, in PAPA', linkato 78976 volte)

Riceviamo e pubblichiamo una disperata richiesta di aiuto da parte dell'ennesimo padre in difficoltà:

"Ciao vi scrivo nella più totale disperazione di un padre separato,chè
ha subito e questo da 5-6anni costantemente umiliazioni e totale
ingiustizia da parte di giudici incompetenti e disumani chè mi hanno distrutto
psicologicamente ed economicamente.Mi hanno ridotto un vegetale tanto
da indurmi poichè non ho più neanche la dignità di vivere di farla
finità!non so piu a chi chiedere aiuto!!La legge è un'offesa morale ed a
senso unico verso la mia ex moglie!!Ho un bimbo stupendo
meraviglioso!!Se qualcuno mi può aiutare vi prego fatevi sentire non reggo
più!!

Grazie!! MARCO - marco_tognon@tiscali.it  "

Nel nostro piccolo cerchiamo di darti un piccolo aiuto, diffondendo questo tuo URLO di dolore.

CORAGGIO MARCO, RIMANI IN PRIMA LINEA CON NOI !!!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 17/04/2008 @ 12:19:39, in Comunicati, linkato 16245 volte)
"Difendere la famiglia significa difenderne i valori fondanti, cioè il padre e la madre. Quando una famiglia in difficoltà chiede aiuto, il Comune e i servizi sociali territoriali devono assistere i genitori in modo paritario, aiutare i padri separati come si fa con le madri, e soprattutto garantire ai figli il diritto primario di crescere con entrambi".

Sono le parole del candidato sindaco del Pdl Gianni Alemanno, intervenuto ai gazebo delle tre associazioni no-profit - Gesef, Papà separati, FeNBi - promotrici dell'iniziativa "La paternità è un valore nella famiglia" a Piazza del Popolo. "Con le giunte di Rutelli e Veltroni sono stati firmati due protocolli di intesa tra Comune di Roma, servizi sociali e tribunali civili e minorili, escludendo però completamente i genitori e le associazioni che li rappresentano. Serve revisionare questi protocolli perche finora lo Stato si è sostituito alla famiglia". "Al prossimo sindaco di Roma chiediamo di attuare politiche sociali per il rispetto del principio giuridico della bigenitorialità", ha dichiarato Vincenzo Spavone, presidente Gesef (Genitori separati dai figli) - "tenendo conto delle difficoltà dei padri separati, che spesso dopo essere stati allontanati da casa, se non hanno un parente e i soldi per pagarsi un affitto a Roma, hanno grandissime difficoltà a vedere i proprio figli. Per questo speriamo che in futuro possa essere riconosciuto lo status di "genitore sfrattato", magari con una quota nelle case popolari da riservare ai padri separati"...
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Daddy (del 15/04/2008 @ 13:16:03, in PAPA', linkato 21895 volte)

Guardo da tempo una pagina bianca sulla quale vorrei buttare giù due pensieri, quei pensieri divorati dal dolore, dalla vergogna e dallo schifo.

Una madre che dice ad un papà al quale stanno cercando di togliere la figlia di essere felice così può rifarsi una nuova vita. Queste sono le nuove mamme.

Speriamo non decida così il giudice.

Sì sì proprio il giudice. Perché quello che decide il giudice è legge. È lui la legge.

E se decide che un figlio può dormire con il proprio papà 2 volte al mese bisogna rispettare la legge.

E le mamme da brave cittadine danno l’ esempio ai propri bimbi di legalità.

Che brave. E tu papà dovresti essere contento così puoi rifarti una nuova vita. DI MERDA.

L’ ha deciso il giudice che giudica ma non può essere giudicato..

La legge è dei poveri di spirito. La legge serve a coloro che non “sentono” e devono “sentire” attraverso il martelletto di un dottore stabilire cosa ne sarà del figlio.

Avrei voluto scrivere del “proprio” figlio ma la lotta da fare è tutta qui.

In questo “proprio” che non dovrebbe esistere.

In questo “proprio” in nome del quale si distruggono coscienze e figli che non possono essere di altri se non di se stessi.

Ci si tappa gli occhi e ci si tura il naso, si sta sotto ricatto per anni per il terrore di quello che sarà.

Poi arriva un punto in cui ti rendi conto che qualsiasi cosa tu possa fare non porta alla crescita ma ti uccide l’io e la dignità.

Allora ti chiedi se è questo che tu vorresti per tuo figlio. Se è questo l’ esempio che merita.

Ti chiedi cosa faresti e cosa diresti tu a tuo figlio se un giorno lo vedessi subire umiliazioni continue da colei che si sente la proprietaria di una vita, rubandone coscientemente un’ altra.

Ti chiedi cosa ti ha tolto la voglia di ridere o piangere. Perfino di scrivere.

Ti chiedi cosa possa portare una persona a pretendere di essere “mantenuta” e a vederne un torto non volerlo fare.

Ti chiedi cosa possa portare una persona odiarti a tal punto da non comprare una fettina di carne per il figlio “perché la spesa la devi fare tu“.

Ti chiedi il significato di questa parola “mamma”.

Ti chiedi chi e se cambieranno mai le cose .

Ti chiedi il senso.

E ti rispondi che il senso non c’è.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 20/03/2008 @ 20:42:10, in PAPA', linkato 4521 volte)

Questo è lo scenario al mio rientro dal lavoro.

Ho sperato fossi sotto il tavolo.

Il silenzio è assordante.

Ieri è già un ricordo...

sabato il prossimo obiettivo.

Sarai mica geloso se faccio vedere a tutto il mondo...
il regalo che mi hai fatto per la festa del papà, vero ?


GRAZIE TESORO. TI AMO !!!

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 19/03/2008 @ 10:51:02, in PAPA', linkato 3035 volte)
Oggi sono un Papà felice. La mamma mi ha concesso di dormire col mio piccolo.

Ha dettato le solite condizioni ma, per una volta, "ringraziamola" senza se e senza ma.

Un abbraccio ed un augurio a tutti i Papà del mondo specie a quelli che non
passeranno neanche un minuto con i propri figli.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 14/03/2008 @ 12:03:00, in Servizi, linkato 8627 volte)
leggete, firmate e fate firmare
è una conquista di civiltà ed evoluzione.

http://progettoetico.blogspot.com/

per il diritto dei figli ad avere tutti le stesse opportunità
di ricchezza morale educativa economica che comporta
avere due genitori presenti

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 14/03/2008 @ 10:16:21, in PAPA', linkato 5781 volte)

GIORGIO GALOFARO un padre separato come tanti sarà

" processato per essere entrato in luogo
pubblico quale è la scuola dei figli "

è colpevole di "essersi recato" alla scuola dei figli contravvenendo, a dire
del Tribunale, le disposizioni del giudice che regolavano le frequentazioni
nei Week End alternati e due sole ore infrasettimanali il mercoledì sera. Le
disposizioni di separazione regolavano le frequentazioni, ma chiaramente non
proibivano in alcun modo al papà di recarsi alla scuola dei propri figli e
vigilare sul loro percorso educativo.

Questa notizia è riuscita a colpire ancora uno come me che ormai è abituato a navigare in un mare di cattiverie.

forse perchè NON SAPEVO DI ESSERE STATO ANCH'IO COSI' VICINO ALLA DENUNCIA...Ringrazio la madre di mio figlio per avermi gentilmente distolto per tempo da queste malsane azioni. Starà diventando umana ?  Lo avrà fatto per evitare problemi giudiziari al padre di suo figlio ?
Ringrazio quel fax ricevuto dal suo avvocato dove mi si "richiede" fermamente di non presentarmi più all'uscita di scuola del bambino per evitare di destabilizzare il bambino.

EVITARE DI DESTABILIZZARE IL BAMBINO...

To be continued

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Nick (del 11/03/2008 @ 23:45:57, in PAPA', linkato 2765 volte)

Stai un po’ meglio. Cominci a riavere un po’ di forza dopo i 10 giorni di malattia. Andiamo da nonna, giochiamo a basket, ti diverti un mondo. Poi l’immancabile Pc. Ogni volta mi stupisco della tua abilità. Prima un po’ di pesca poi il motocross. Giochiamo insieme. Riesco a sganciarti dal computer con la solita fatica. Giochiamo con i bigliettini e le freccette. Ti nascondo dei giocattoli. 

Passiamo alle macchine, mi invento un altro gioco.

Sono le sei. 

Arriva la beffa. Papà dice STOP. Basta con i giochi. Si deve andare in macchina. Arriva il tuo sguardo severo e tenero allo stesso tempo. Uno sguardo da cane bastonato ma arrabbiato. Uno sguardo che mi lacera ovunque. 

 

Si ok, stai bene, ti faccio stare bene, ti diverti, ridi, giochi, corri, tiri, pari, sudi, mi abbracci, mi baci…e poi… 

BASTA  

 

- Giochiamo ancora con il garage? 

- No è tardi tesoro 

- Dai ancora un po’, ti prego…

  

*** Quando arrivi a dirmi ti prego, mi ucciderei. Mi stai pregando per fare la cosa che più vorrei al mondo. Mi stai supplicando di stare di più con me, ovvero quello per cui sto lottando da 4 anni e sono costretto a dirti di no… 

Io… tuo padre… DEVO DIRE NO… 

PAZZESCO !!!  ***

 

- E’ tardi tesoro – ripeto come un ebeteche vuoi che ti dica…non ho voglia di dirti che capirai da grande, ancora infastidiscono me certe risposte avute da piccolo, non ho voglia di farti avere l’ansia di crescere per capire. Non posso dirti che tua madre è una stronza…che vuoi che ti dica… 

 

- E’ tardi tesoro, mamma ci aspetta – provo così… 

- Dai un altro tiro in porta? Non posso colorare ancora ? giochiamo al computer? Dai l’ultimo cartone… 

 

- Dai andiamo infila il giacchetto e chiamiamo l’ascensore…  

 

Chissà cosa pensi di me ? Dimmi cosa pensi di me

Papà ma perché non vuoi più tutto questo. Papà mi vuoi riportare a casa, di già. Ma come. Che senso ha ?   

Vieni alle 14.30, mi strappi alla digestione, mi allontani dal pisolino (forse di questo sono contento), mi fai interrompere quello che sto facendo ma per fare cosa ?

Per correre dall’altra parte della città. Per vederti nervoso se incontriamo traffico. Cambiamo giochi in continuazione con un frenesia da folli.

Papà guarda che non è colpa mia se non mi vedi per il resto della settimana.

Mi chiedi se ti amo, vuoi baci, vuoi carezze, vuoi attenzioni , io ti do tutto questo papà

ma non puoi ogni volta fermarmi sul più bello.

Sono piccolo ho voglia di giocare perché dobbiamo lasciare tutto e scappare come ladri. 

Sei cattivo, ecco quello che penso.  

 

Ti arrendi nuovamente. 

IO, TUO PADRE, HO DETTO DI NUOVO BASTA 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Di Daddy (del 03/03/2008 @ 16:51:18, in PAPA', linkato 4534 volte)

Io stavo con Aurora, tu con Francesca.

Pensavamo che la nostra vita a divenire potesse essere bella e diversa. Quello che abbiamo fatto lo sappiamo da soli. dove siamo ora a fronte delle scelte o errori fatti è evidente.

MA NOI SIAMO QUA. INSIEME.

Sono fiero di noi e della nostra amicizia.

MALGRADO TUTTO.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa




Salvo dove diversamente indicato, i materiali pubblicati su questo blog, sono sotto Licenza Creative Commons.


 


Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

 
           Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini
Ci sono 58 persone collegate


Titolo
Attimi (13)

Le fotografie più cliccate


Titolo
Citazioni (3)
Comunicati (1)
Giù le mani dai bambini (5)
MAMMA (3)
PAPA' (84)
Riflessione (3)
Servizi (5)





Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Ninak
03/10/2018 @ 23:09:13
Di Boyd
mfhp
03/10/2018 @ 19:32:50
Di Johnie
zpdj
03/10/2018 @ 18:36:13
Di Robyn

Titolo
Pensi che i figli siano proprietà privata ?

 NO
 No però sono più miei che del padre
 ...del papà, NO
 Solo di mamma...faccia di velluto
 solo di papà...........SCHERZO !!!




Titolo
Segnala il blog ad un amico

aiutaci a far capire
che il cuore di PAPA'
è uguale
al cuore di MAMMA

Titolo
Musica 
Io ci sarò di Andrea Bocelli
Milioni di giorni di Niccolò Fabi
Essere speciale di Niccolò Fabi
Sangue del mio sangue di Niccolò Fabi

Da leggere 
Cuore di padre di Aldo Dinacci

Film 
Kramer contro kramer